19449 - CAVAZZONI PEDERZINI Fortunato (modenese) - L'opinione e la stampa
A cura di Francesco Iavarone
Ultima modifica: 21/03/2010

Libri antichi

Clicca per tornare alla pagina precedente

Scheda descrittiva


Catalogo : int Codice Libro: 19449
Argomento : 1800 filosofia - storia risorgimentale- polemiche politiche

CAVAZZONI PEDERZINI Fortunato (modenese)

L'opinione e la stampa
Disaminate nell'attinenze loro colla morale e colla politica, Con apendice.

Modena, a spese della Società editrice, 1856.
8°: pp. 168. Leg. in mezza pelle con titoli in oro al dorso, usure alle cuffie del dorso, nel complesso esemplare in buono stato di conservazione.

Descrizione: Bel frontespizio di gusto romantico (cornice incisa con i titoli in caratteri classici all'interno), tagli spruzzati in rosso. Ad un raffornto con le copie possedute nel fondo della bibl Vitt. Eman. III di Napoli , quest'edizione sembrerebbe la prima (ed unica) originale. Interessante libello di stampo conservatoristico cattolico che osserva e si oppone alle idee ed ai fatti dei moti che hanno caratterizzato l'Europa nel 1848. ".. . (da prefaz.) pag. 3 " In quel mentre stavasi da lunga mano preparato sottterra ed acceso un fuoco di cospirazioni terribili, il quale sbarcando negli anni 1847 - 1848 , impigliò rapidissimamente gli spiriti di quasi tutta Europa". . . Pag. 6 " Professo, ed altamente mi glorio di essere cattolico romano".Nell'opera: natura dell'opinione e sue condizioni in generale, l'opinione è soggetta alle leggi della moralità, chiesa e stato amendue diritto di censura sull'opinione, ma assai più è meglio la prima, quali sieno i diritti e doveri del principe cristiano in ordine a censura d'opinione, toccasi della stampa come modo di manifestare le opinioni, ma permettesi la considerazione d'alcuni fatti generali che si attengono; che sieno libertà illimitata, censura e repressione in materia di stampa. La prima è affatto illecità; rispondesi a parecchi autori che male impugnano la Censura, provasi per diretto e per indiretto che in via ordinaria si deve usare la Censura, anziché la repressioine. Portasi la quistione alla specialità dè governi rappresentativi, e mostrasi come la stampa vi possa essere ristrettamente libera, ma pur sempre rendendo un poco buon servigio; si stabilisce allcune specialità di ragione in riguardo a censura d'opinione per fatto di Principi miscredenti e irreligiosi; epilogo. Infine appendice : serie di luoghi notabili, disposti secondo l'ordine alfabetico della materia, tratti da autori celebri, i quali consuonarono alle sentenze del presente trattatello, ovvero servono almeno per indiretto suo intendimento.


€ 70,00

Clicca per tornare alla pagina precedente



Google
 
Web www.studioiavarone.it













































































Le statistiche del Sito sono a cura di PHP-STATS PRO 0.1.8
Traduzione in inglese a cura della Dott.ssa Agnese Rivieccio
Copyright © 2003 - 2010 Studio Bibliografico Iavarone - Webmaster FRIVA